#179 - 14 gennaio 2017
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascer il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finch ti morde un lupo, pazienza; quel che secca quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Fumetto

Personaggio colluso col regime fascista

Dick Fulmine

di Giada Gentili

"La legione del Mistero"è una storia imperniata sul personaggio di Dick Fulmine scritta da A. Lavezzolo e disegnata da C. Cossio, originariamente pubblicata in puntate settimanali dal 26 ottobre del '45 al 20 aprile del '46 .
È l'unica storia originale del personaggio pubblicata su Fulmine, giornale dalla breve vita stampato all'inizio del secondo dopoguerra. Cronologicamente dovrebbe essere la 264ª avventura del personaggio a partire da "La banda del pazzo" (Albi dell'Audacia #2, Casa Editrice Vittoria, 1938), ma è convenzionalmente contrassegnata 292a nella cronologia ufficiale poiché non apparterrebbe alla serie "regolare".

Dick FulmineDick Fulmine

Sul piano filologico, la nota distintiva di questa storia è data dal fatto che fu pubblicata incompleta per la chiusura improvvisa del giornale che scandiva le sue puntate. 6 pagine fungenti da conclusione, disegnate da R. Polese furono aggiunte soltanto nel 1989. Con questa storia gli autori vollero dare il patentino di "eroe democratico" a Dick Fulmine, personaggio colluso col regime fascista fino a poco prima della Liberazione, facendolo scontrare coi responsabili e i continuatori della tragedia convenzionalmente più significativa del Novecento, all'epoca ancora calda.

Dick FulmineDick Fulmine

Dick Fulmine è l'unico personaggio italiano a fumetti compromesso col regime ad aver potuto proseguire la sua carriera nel Dopoguerra, indisturbato o quasi. Il grintoso e massiccio detective italo-americano Dick Fulmine in questa storia si trova in un albergo di Parigi (tra l'altro è la città dove Lavezzolo è nato). Da qui inizia a trovarsi alle prese con una sfilza di avvenimenti enigmatici quali: signori che camminano tranquillamente con un pugnale conficcato nella schiena, politici e industriali che spariscono dalla circolazione per poi ricomparire comportandosi come se nulla fosse accaduto, strani suicidi nella malavita e giornalisti impazziti mentre sono sulle tracce di un caso. Alla fine, collaborando con la polizia locale, scopre l'orrenda verità: è tutto un complotto di una misteriosa associazione - controllata da un famoso nazista la cui identità è celata fino alla fine - che vuole prendere il controllo della Francia e poi di tutta l'Europa con l'utilizzo di insospettabili automi.

Dick FulmineDick Fulmine

C'è un romanzo del grande Philip Dick che s'intitola "La svastica sul sole" e racconta di come nazisti e giapponesi abbiano vinto la seconda guerra mondiale. Dovrebbero leggerlo a scuola e nelle università, dovrebbe essere dato in pasto a tutte le libreria del mondo.
Perchè parlo di questo romanzo? Beh, perchè la storia di Dick Fulmine ha parecchi contatti con il romanzo. E di questi tempi leggere di queste storie fa un gran bene. Chi scrive è una che legge anche le "profezie" (L'Apocalisse dell'apostolo Giovanni...e oltre). In questa rubrica, tramite il recupero di fumetti dimenticati, non ho fatto altro, mi sembra, di parlare solo di questo: della corsa irrefrenabile dell'Uomo verso il Nulla e di come la Storia non insegni un bel niente. Nascita dei movimenti populisti? Certo che sì. Fuga dall'Europa? Certo che sì. Elezione di candidati estremi? Certo che sì. Basta studiare cosa è accaduto in Germania prima dell'avvento di Hitler o in Russia prima della Rivoluzione. Troppo complicato. Troppo lungo. Meglio affidarsi ai ben pagati giornalisti e predicatori contemporanei per farci ingoiare le solite storielle: "Corsi e ricorsi storici" per dirla alla Vico. Meglio ancora:« Gli uomini prima sentono il necessario; dipoi badano all'utile; appresso avvertiscono il comodo; più innanzi si dilettano nel piacere; quindi si dissolvono nel lusso; e finalmente impazzano in istrapazzar di sostanze » (Giambattista Vico, Scienza Nuova, Degnità LXVI) Auguri a tutti.

Dick FulmineDick Fulmine

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.