#107 - 13 ottobre 2014
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascer il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, pu durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni pi importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perch" (Mark Twain) "L'istruzione l'arma pi potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) La salute non un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perch i servizi sanitari siano accessibili a tutti. Papa Francesco Il grado di civilt di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bens nella capacit di assistere, accogliere, curare i pi deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civilt di una nazione e di un popolo. Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosit, vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Fumetto

Dalla penna di Jacovitti

Irascibile Cocco Bill

surreale, improbabile, smaccatamente comico
ha mietuto fans di ogni età

di Giada Gentili

Ehi, c'è qualche "matusalemme" che si ricorda Cocco Bill?
(dalla penna o matita o pennarello di Jacovitti).
Il Far West in cui sono ambientate le avventure di Cocco Bill è la somma degli elementi dell'immaginario collettivo film e fumetti western, resi nel tipico modo assurdo e folle di Jacovitti.

Irascibile Cocco Bill

Quasi sempre Cocco Bill si trova ad affrontare una banda di malviventi, comandati da un capo cattivissimo con cui alla fine avrà luogo la resa dei conti.
Non capita di rado di incontrare gli indiani Ciriuàcchi e i Piedi Neri, nativi americani la cui strana lingua, alla lettura, suona come un simil-napoletano, per esempio ahó viscepà, iovoio quaiò! oquaiò kaimagnà!, cioè, ehi, viso pallido, io rivoglio il quaglione che hai mangiato).
Altri elementi ricorrenti sono gli sceriffi, dai modi duri ma più o meno imbranati, la rissa nel saloon, l'assalto alla diligenza, il tentativo di linciaggio, e mille altre situazioni su cui Jacovitti si diverte a improvvisare.

Irascibile Cocco BillIrascibile Cocco Bill

Di tutti i fumetti di Jacovitti, Cocco Bill è sicuramente il più violento.
E' l'adesione allo stereotipo che lo esige: il west è ritratto in tutta la sua durezza, con la legge del più forte a farla da padrone.
Se nel saloon Cocco Bill viene deriso mentre sorseggia la sua camomilla, risponde con un pugno talmente forte da far schizzar via tutti i denti dell'importuno. L'avventore che si ripara dalla pioggia di denti con un ombrello, i dadi e i rocchetti che volano via insieme ai denti, i mille ghirigori formati dalle linee cinetiche del pugno prima di arrivare a destinazione, cambiano completamente il senso negativo della scena, trasformandola in gag.

Una violenza tanto esagerata da risultare comica è spesso presente nei cartoni animati e nei fumetti, come succede in Tom & Jerry. In Cocco Bill è estremizzata in modo magistrale, poiché amputazioni, sparatorie mortali, pugni, calci, schiaffi e martellate, grazie alla mancanza assoluta di sangue e all'aiuto di espedienti grafici sdrammatizzanti, non risultano mai scioccanti bensì divertenti.
Un esempio emblematico sono le amputazioni, che sono rappresentate in modo molto più simile al taglio di un salame (insaccato che evidentemente Jacovitti amava molto, poiché lo rappresentava spesso nelle tavole, dotato spesso di piedi) che non ad un arto umano.

Irascibile Cocco BillIrascibile Cocco Bill

Tutto questo mi fa venire in mente i film della serie "Trinità" con Bud Spencer e Terence Hill inventati dalla mitica coppia del cinema italiano Barboni-Zingarelli. E' il west che piace a me, un luogo quasi surreale, improbabile, smaccatamente comico che pur non essendo di origini nostrane, ha mietuto fans di ogni età.
Potrei forse affermare che Barboni si è quasi ispirato al maestro Jacovitti?
Ma di Jacovitti mi piace ricordare la morte di lui e della moglie: muore lui e poche ore dopo l'amatissima moglie ("Un amore d'altri tempi", disse la figlia Silvia). Lui aveva 74 anni, lei, Lilli, 72. E' morta d'infarto, non ha retto alla perdita dello sposo....pare quasi una favola, un mito, una leggenda, un episodio di un romanzo d'appendice (particolare: Lilli preferiva leggere Topolino alle sue strisce. Un dettaglio che piace sottolineare). Viva Cocco Bill!

Irascibile Cocco Bill

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.