#158 - 16 maggio 2016
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascer il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finch ti morde un lupo, pazienza; quel che secca quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Fumetto

Maschera nera

di Giada Gentili

Maschera Nera è un fumetto italiano di ambientazione western, creato negli anni sessanta dall'autore Max Bunker (Luciano Secchi) e dal disegnatore Paolo Piffarerio, qui alla loro prima collaborazione insieme.

Maschera neraMaschera neraMaschera nera

Maschera Nera è la prima vera opera scritta da Max Bunker e si inserisce nel filone degli eroi mascherati in epoca western, quali Zorro e altri ancora, anche se con un po' più di humour e di violenza, elementi che in seguito caratterizzeranno gran parte della produzione dell'autore.

Maschera neraMaschera neraMaschera nera

Verso la fine dell'Ottocento, dopo aver completato gli studi universitari in Inghilterra, il giovane avvocato Ringo Rowandt, il protagonista, torna negli Stati Uniti dove l'anziano padre esercita l'attività di sceriffo in una cittadina del Far West.
Dinanzi ai tanti torti e soprusi che incontra nella nuova realtà, egli decide di reagire combattendo il male su due fronti e con due diverse identità: quello giuridico-legale, più lento e dagli esiti non sempre prevedibili, come avvocato e, quello della giustizia diretta, senz'altro più pratico e spiccio, nelle vesti dell'avventuriero Maschera Nera.

Maschera neraMaschera neraMaschera nera

Qui di notevole è proprio la doppia faccia dell'eroe (avvocato e avventuriero) che mi ha incuriosito. Ad ascoltare i molti italiani che subiscono torti, soprusi e violenze quasi quotidianamente, si sente il solito (e drammatico) ritornello:"La giustizia non arriva qui...non funziona....non ci sentiamo protetti....saremo costretti, prima o poi...." e in alcuni casi si è parlato di Ronde Notturne. Non è certo questa la sede per entrare in questo vespaio, certo è che questo fumetto simbolizza un pò questa tensione contemporanea.
Alcune volte ho parlato di artisti "profetici": cito spesso Ennio Flaiano, Leo Longanesi e tanti altri....certo che qui, nella fattispecie di Maschera Nera, siamo di fronte ad un altro di questi (involontari?) profeti del nostro tempo dove, alla inutile giustizia legalizzata, subentra l'altra...mah.
Ed eravamo negli anni sessanta e le crisi erano di là da venire!

Maschera neraMaschera neraMaschera nera

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.