#146 - 31 gennaio 2016
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascer il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finch ti morde un lupo, pazienza; quel che secca quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Cultura e Società

Dal primo martedì di ogni mese, in edicola per tutto il mese

Luoghi dell'Infinito

Accogliere l'imprevisto

Dall’ottobre del 1997 il mensile di “Avvenire”
percorre le vie della bellezza

“Ognuno di noi è la sua storia, le sue attese, anche i suoi progetti”…comincia così la riflessione di Ernesto Olivero affidata alle pagine di Luoghi dell’infinito, per testimoniare la sua esperienza e quella dei suoi amici volontari del Sermig di cui è stato il fondatore.
“Non avevamo molta esperienza , ma grandi sogni, soprattutto quello di sconfiggere la fame nel mondo con opere di giustizia….” Pensavano, questi amici, di impegnarsi poche ore a settimana per aiutare i missionari, ma le cose sono andate diversamente; il Sermig presto è diventata una realtà importante per loro e per la città di Torino diventando speranza per gli sconfitti dalla vita.

Accogliere l'imprevistoAccogliere l'imprevisto

Nel suo racconto, Olivero accenna ad alcuni emblematici incontri, tutti capaci di suscitare interesse verso molteplici realtà di vita: condizioni difficili tra l’indifferenza dei più. E per ogni incontro un impegno nuovo, una esperienza da vivere nella bellezza della solidarietà e della fraternità.

Accogliere l'imprevistoAccogliere l'imprevisto

“Lo dico sempre – continua Olivero – il bene va fatto bene…abbiamo capito che non si può restare nell’indifferenza…quando ti chiedono un’immediatezza di risposta, un subito, un eccomi che nasca dal com-patire.
Accogliere l’imprevisto significa anche non avere paura dei propri limiti, degli imprevisti che arrivano da dentro. Stati d’animo, condizionamenti, paure a volte possono fermarci. Ma abbiamo a disposizione una mente, un’intelligenza che sono il vero motore per accogliere gli imprevisti, Possiamo cambiare il nostro carattere, possiamo imporci una condotta, anche una scelta”.

Accogliere l'imprevistoAccogliere l'imprevisto

Spesso, in questa costrizione, si possono scoprire doni inestimabili, un supplemento di pazienza, e uno di misericordia. Del resto, quale sarebbe l’alternativa? Nascondersi? Arrendersi? Molti fanno cosi, ma non è la strada; e i volontari del Sermig bene rappresentano questa Vita Nova: toccare il limite di se stessi ma non fermarsi e alzare l’asticella di un millimetro alla volta per accogliere l’imprevisto…uscire da se stessi e incontrare gli altri.

Accogliere l'imprevistoAccogliere l'imprevisto

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.