#146 - 31 gennaio 2016
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascer il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finch ti morde un lupo, pazienza; quel che secca quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Fumetto

Il fascino del fumetto nero

Zakimort

di Giada Gentili

ZakimortZakimort

Negli anni 60, dopo il grande successo di Diabolik nelle edicole, arrivano altri eroi "neri".
Tra questi c'è Zakimort fumetto nero scritto da Pier Carpi e Michele Gazzarri e realizzato da un numeroso staff di disegnatori tra cui Flavio Bozzoli, Lino Brazzi, Italo Peratello, Maurizio Ricci, Pini Segna, Emilio Uberti.

Zakimort è in realtà la bella ereditiera Fedra Garland, figlia del famoso gangster dallo stesso nome.
Dopo l'assassinio del padre, tradito e assassinato dagli uomini della sua stessa banda composta dai peggiori elementi della malavita, Fedra scopre che le ricchezze di famiglia provengono in realtà da attività criminose. Rivestita di una calzamaglia nera, il viso nascosto da una maschera, decide allora di dedicarsi alla lotta contro i criminali, sia per vendicare il padre che per riparare, in parte, al male da lui compiuto in vita.

ZakimortZakimortZakimort

AI suo fianco, fedeli e coraggiosi, troviamo Leo e Teddy, che però ignorano l'identità segreta dell'eroina mascherata. A contrastare la sua spietata vendetta contro malviventi e rapinatori, che uccide implacabilmente con il pugnale di cui è armata o con micidiali colpi di karate, è il tenente Gary Norton di Scotland Yard, fidanzato inconsapevole della dolce e bionda Fedra.

Zakimort debutta nell'agosto del 1965 e muore nel 1974. Peccato perchè la vostra appassionata archeologa di fumetti si è quasi innamorata di questa bellezza stereotipata, classica immagine di una femminilità eterna, incompresa fidanzata di un uomo che non sa nulla della sua duplice identità.
Freud qui ci sarebbe andato a nozze con questa tipa e ne avrebbe ricavato un volumone di mille pagine per spiegare tutti i marchingegni della sua, chiamiamola così, indipendenza ante litteram. Ma, come ho già scritto, è morta anzitempo. Ed è stato un peccato.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.