#343 - 6 gennaio 2024
AAAATTENZIONE - CARA AMICI LETTORI, DA QUESTO NUMERO IL GIORNALE DIVENTA MENSILE. LE NUOVE USCITE SARAN- NO AL PRIMO GIORNO DI OGNI MESE. iL NUOVO NUMERO 353 SARA' IN RETE IL GIORNO 1° lUGLIO. BUONA LETTURA A TUTTI. Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà  a massacrare gli animali non conoscerà  ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Antropocene

La gattaia minore o anche nepetella (Nepeta nepetella L., 1759)
è una piccola specie erbacea perenne aromatica della famiglia delle Lamiaceae.

Nepeta nepetella

di Guido Bissanti

-Sistematica
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Plantae, Sottoregno Tracheobionta, Superdivisione Spermatophyta, Divisione Magnoliophyta, Classe Magnoliopsida, Sottoclasse Asteridae, Ordine Lamiales, Famiglia Lamiaceae, Tribù Mentheae e quindi al Genere Nepeta ed alla Specie N. nepetella.

-Etimologia
Il termine Nepeta viene riscontrato per la prima volta in scritti di Gaio Plinio Secondo, forse perché proveniente da Nepi, nell’Etruria. L’epiteto specifico nepetella è il diminutivo dal genere Nepeta, in quanto letteralmente “piccola nepeta” per le dimensioni minori della pianta.

Nepeta nepetella

-Distribuzione Geografica ed Habitat
La gattaia minore è una pianta di origini dell’Europa mediterranea, poco diffusa allo stato spontaneo sia in Italia dove si può trovare nel nord-est e al centro. È presente nell’area alpina solo a occidente e sugli altri rilievi europei collegati alle Alpi si trova nei Pirenei.
Il suo habitat è quello degli incolti, i ruderi, vecchi muri, praterie rase, prati e pascoli aridi, con un andamento altimetrico dal piano collinare a quello subalpino, quindi tra 800 e 2200 m. s.l.m..
Cresce preferibilmente su suoli calcarei o calcareo/silicei con valori di pH neutro, e su substrati con bassi valori nutrizionali ed aridi.

-Descrizione
La Nepeta nepetella è una pianta perenne suffruticosa, tomentosa, con colorazione grigiastra. I fusti sono eretti pubescenti o tomentosi, legnosi alla base e con sezione quadrangolare. Raggiunge altezze tra 30 e 80 cm, con radici sono secondarie da rizoma.
Le foglie sono brevemente picciolate, pubescenti o tomentose, opposte, arrotondate o cuoriformi alla base, con lamina ellittico – lanceolata e bordi che hanno per lato 5 – 6 profondi denti con apice acuto.

I fiori, ermafroditi, zigomorfi, di colore biancastri o roseo-violetti, sono riuniti in infiorescenza ramosa, formata da verticillastri 4-6 flori, che formano uno spicastro, provvisto di brattee e bratteole.

Il frutto è un tetrachenio (composto da quattro nucule) racchiuso in un calice persistente. La forma è ovoidale trigona (dimensioni 1,7 x 1 mm). I semi sono sprovvisti di endosperma.

Nepeta nepetella

-Coltivazione
Per la moltiplicazione di questa pianta valgono tecniche molto simili per le altre mente e si ricorda che si moltiplica facilmente per divisione dei cespi e che predilige suoli calcarei o calcareo-silicei a pH neutro.
Per la concimazione si può intervenire dalla ripresa vegetativa a partire da marzo fino a novembre con concime per piante da fiore, liquido o granulare, almeno una volta ogni 30 giorni, oppure solo all’inizio con un discreto apporto di sostanza organica ben umificata.
Per l’irrigazione, se la pianta è coltivata in piena terra, bisogna irrigare saltuariamente nei mesi vegetativi, all’incirca da aprile a ottobre. Se invece la pianta è in vaso, bagnare regolarmente da marzo a ottobre. Per la potatura bisogna eliminare regolarmente i fiori appassiti, a meno che non si desideri raccoglierne i semi. Al completamento del ciclo vegetativo, in autunno, tagliare la parte aerea che si sta seccando e che ributterà in primavera. Si può ritardare l’operazione nel caso in cui il fogliame autunnale o le infiorescenze appassite abbiano un valore ornamentale.

-Usi e Tradizioni
La gattaia minore è una pianta utilizzata sia per le foglie che per i fiori. Le foglie ed i fiori hanno infatti proprietà sedative, antisettiche ed antispasmodiche.
Le foglie vanno raccolte all’inizio della fioritura, e vanno fatte essiccare in luogo ombroso e ventilato, conservando al riparo della luce e all’asciutto.
Le foglie della Nepeta nepetella hanno una aroma molto penetrante e vengono utilizzate in gastronomia per aromatizzare piatti di pesce, molluschi, funghi e carni alla griglia.
L’olio essenziale presente in tutte le parti della pianta, ha una aroma simile a quello della menta; viene utilizzato in cosmesi e per l’alto contenuto di geraniolo, limonene e cytronelalin in repellenti contro zanzare e mosche. Si ricorda che l’olio essenziale che si ottiene mediante la distillazione a vapore dei fiori e delle foglie, contiene anche nepetalattone, un principio psicoattivo, che è responsabile dell’effetto di attrazione dei felini, dei quali eccita il sistema nervoso favorendone l’estro.

-Modalità di Preparazione
Di questa pianta vengono utilizzate in cucina le foglie per dare aroma a piatti di carne, pesce, funghi. Inoltre l’olio essenziale, come detto, ha molte applicazioni nella cosmesi ed in prodotti repellenti per alcuni insetti.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.