#341 - 2 dicembre 2023
AAAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo numero rimarrà  in rete fino alla mezzanotte del giorno di venerdi 31 maggio quando lascerà  il posto al numero 352 - BUONA LETTURA A TUTTI - Ora ecco per voi alcune massime: "Nessun impero, anche se sembra eterno, può durare all'infinito" (Jacques Attali) "I due giorni più importanti della vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perchè" (Mark Twain) "L'istruzione è l'arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo" (Nelson Mandela) "Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare" (Socrate) «La salute non è un bene di consumo, ma un diritto universale: uniamo gli sforzi perchè i servizi sanitari siano accessibili a tutti». Papa Francesco «Il grado di civiltà  di una nazione non si misura solo sulla forza militare od economica, bensì nella capacità  di assistere, accogliere, curare i più deboli, i sofferenti, i malati. Per questo il modo in cui i medici e il personale sanitario curano i bisognosi misura la grandezza della civiltà  di una nazione e di un popolo». Alberto degli Entusiasti "Ogni mattina il mondo è un foglio di carta bianco e attende che i bambini, attratti dalla sua luminosità , vengano a impregnarlo dei loro colori" (Fabrizio Caramagna)
Attualità

Uno sguardo oltre la generica solidarietà
Il monito di Papa Francesco

Scandalo poverta'

di Amanzio Possenti

Scandalo poverta'

‘La povertà è uno scandalo, Dio ce ne chiederà conto’, è il monito severo di Francesco di fronte a situazioni drammatiche – in Italia e nel mondo – che offuscano la civiltà e la immiseriscono sul piano della convivenza.
Sapere, da dati inconfutabili, che essa è la normalità del vivere quotidiano in molti Paesi - del Terzo e Quarto mondo - e che in Italia - fra i sette maggiormente industrializzati - sono milioni le famiglie in povertà assoluta o in grande difficoltà economica, è notizia che rattrista e interpella.

Scandalo poverta'Scandalo poverta'

Ogni giorno la povertà bussa alle nostre porte e coscienze, ma domandiamoci: siamo capaci di aprire spazi al prossimo nel bisogno o preferiamo voltare altrove sguardo e cuore? Interrogativi inquietanti rispetto ad un andazzo che ha spesso gli occhi chiusi e l’animo rivolto al proprio benessere.

Scandalo poverta'

Gli Stati fanno quel che possono, poco (di efficace) soprattutto quelli afflitti endemicamente dal problema; assai di più il Paese Italia, tra assistenza e aiuto nel segno della inclusione sociale (pur se insufficiente davanti ad una realtà in crescita preoccupante); impegnati i Comuni; la Caritas svolge un ruolo fondamentale tramite i Centri di ascolto diffusi nelle parrocchie; enti privati e pubblici (tra mense, pacchi viveri, pagamenti di bollette...) sono ammirevolmente attivi e sensibili. Ma basta?
Dio ce ne chiederà conto: questo deve ‘agitare’ il mondo cristiano, sempre e ovunque, con amore al fratello povero.

Scandalo poverta'

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.