#293 - 9 ottobre 2021
AAAATTENZIONE - CARA AMICI LETTORI, DA QUESTO NUMERO IL GIORNALE DIVENTA MENSILE. LE NUOVE USCITE SARAN- NO AL PRIMO GIORNO DI OGNI MESE. iL NUOVO NUMERO 353 SARA' IN RETE IL GIORNO 1° lUGLIO. BUONA LETTURA A TUTTI. Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuerà  a massacrare gli animali non conoscerà  ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo è il più crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si è capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Di borgo in borgo

Un progetto culturale, teatrale e cinematografico, ispirato al romanzo
di Cristian Mannu, Premio Calvino 2015, fa rinascere il piccolo centro

La fabbrica illuminata

Il borgo di Isili - dal romanzo alla realtà

di Marino Pagano

La fabbrica illuminata

La grande storia italiana delle minoranze linguistiche lungo lo Stivale trova un felice episodio in Sardegna; un momento, diremmo, che ci si augura faccia scuola e sia da felice esempio per la particolare e sempre più necessaria tutela di questi aspetti del nostro patrimonio storico e appunto linguistico.
Una storia viva tanto al Nord quanto al Sud. Una storia che più che italiana, in senso storico-politico, è semmai “italica”, perché fa riferimento alla singolare e determinante posizione geografica e strategica della Penisola.
Aspetto o, meglio, “esposizione” che nei secoli ha sempre costituito il tratto distintivo di questa affilata e stretta striscia di terra alla fine dell’Europa in senso continentale e, però, nel bel mezzo del grande bacino del Mediterraneo. Non si dimentichi che una parte del territorio italiano (tutta la Sicilia tranne il suo nord est) è già, a livello di placca, parte del continente africano.

La fabbrica illuminata

Scorcio di Isili – foto Bruno Atzori

Da qui tanti passaggi di popoli nella storia. Con strascichi evidenti nell’attualità. Se solo si guardasse a questa con gli occhi della sua progenitrice (la storia, niente altro che la storia: la mamma dei nostri giorni e delle nostre strutture), tanti conflitti, di tutti i tipi, si risolverebbero o quantomeno emergerebbero come meno traumatici.
Anche il grande popolo Rom (categoria per la verità spesso usata a sproposito e con scarsa filologia etnico-storica) ha spesso attraversato le nostre lande.
Lo sanno appunto in Sardegna, vediamo come e perché. Potrebbe intanto chiedersi cosa mai abbiano in comune i cosiddetti i camminanti siciliani (etnia nomade sicula, una storia che meriterebbe un articolo a parte), i calderai ambulanti stagnini di Tramonti (Friuli) e gli abitanti della piccola comunità di Isili, in Sardegna. Proprio la lingua, per meglio dire una certa origine del gergo locale.
A partire dal 1500, infatti, in “Italia” iniziarono a giungere gruppi di etnia Rom, al nord via Venezia, provenienti da Corfù. Erano particolarmente abili nella lavorazione del rame e dei metalli. Parve subito quasi incomprensibile la loro lingua, eppure ha saputo (forse proprio per questo, chissà) tramandarsi nei secoli giungendo fino a noi in alcune piccole comunità del territorio italiano.
A Isili, poco più di 2500 abitanti a un’ora da Cagliari, questa parlata è nota come S’Arbaresca o Sa Romaniska e viene usata dai pochi ramai ancora in attività nel paese.
Lingua e lavoro, dunque. Tradizione al quadrato. E sono proprio i ramai e le donne dedite alla tessitura i protagonisti di una residenza d’artista che trasformerà il piccolo centro in un set teatrale e cinematografico.

La fabbrica illuminata

Questo l’avvincente progetto dell’associazione “La Fabbrica Illuminata”, nato attorno all’omonimo romanzo di Cristian Mann, vincitore del Premio Calvino 2015, il più importante riconoscimento nazionale per le opere prime.
Un intero paesino è così al centro di conferenze, workshop, seminari. In più anche laboratori a fianco di uno spettacolo teatrale diretto da Marco Parodi e che, accanto agli attori professionisti, coinvolge gli stessi abitanti del paese. Lo spettacolo è allestito a conclusione del triennio grazie anche alla collaborazione con il regista cinematografico Enrico Pau e l’attore Pino Micol.

La fabbrica illuminata

Il libro di Mannu, un grande esordio, affronta il coraggio di una donna abile nel ribellarsi ad una visione arcaica del rapporto donna-società. È una Sardegna antica e ricca di suggestioni ancestrali.
L’opera teatrale vive della poetica del romanzo, già scritto in chiave dinamica, pronto alla sua trasposizione.
L’obiettivo, si è detto, è quello di riportare in primo piano due importanti tradizioni artigiane locali: la lavorazione dei manufatti in rame e la realizzazione di prodotti tessili.
Una tradizione che ha diviso i ruoli maschile e femminile. Secondo molti, la lavorazione del rame, sopravvissuta nell’isola soltanto ad Isili, avrebbe origine appunto zingara, con probabili ascendenze anche ebraiche. Due attività utilissime, nella storia, a dotare di qualcos’altro la debole e contadina economia isolana.

La fabbrica illuminata

Ramaio di Isili – foto Bruno Atzori

Quasi tutte le case di Isili avevano un telaio e le ragazze, fin da piccole, imparavano a tessere. Il rame poi veniva anche commercializzato, esportando questa particolare creatività e capacità sarda. Mestieri che si sono anche tramandati in virtù di una felice trasmissione familiare.
Così come si è tramandata la lingua, gergo finora rimasto ancora all’ombra delle ricerche linguistiche. Eppure quello degli zingari-ramai è considerato il sistema linguistico più antico della Sardegna e tra i più datati del Mediterraneo, ancora oggi con curiose corrispondenze in Friuli e in Sicilia, ma anche in sparute zone della Calabria.

La fabbrica illuminata

Tessitrici di Isili – foto Bruno Atzori

Strabiliante poi indagare come le tradizioni orali del linguaggio siano così visceralmente unite alla dimensione dell’artigianato storico e locale. L’uomo modella gli elementi, in tutti i sensi. E crea così cultura. È sempre la storia, la storia di ogni secolare antropologia che abbracci l’esperienza, a parlare.
In quella quotidianità e cronaca di ieri che è la storia di oggi e che è dovere non perdere per poterne tramandare il senso autentico al futuro.
Oggi l’attività dei ramai è davvero ridotta ai minimi termini. Purtroppo! Se ne concepisce con mano però la memoria nel Museo del rame della piccola Isili.

La fabbrica illuminataLa fabbrica illuminata

Dal Museo di Isili

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit è realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessità di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietà tra singoli e le comunità, a tutte le attualità... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicità e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.