#225 - 1 settembre 2018
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascer il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finch ti morde un lupo, pazienza; quel che secca quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Piccoli Grandi Musei Italiani

"una cosa bella è una gioia per sempre" John Keats

San Pelagio. Due Carrare (Padova)

Museo dell'aria

di Alessandro Gentili

Museo dell'ariaMuseo dell'aria

Il Castello di San Pelagio si trova nel comune di Due Carrare, terra d'origine della celebre famiglia dei Carraresi, signori di Padova dal 1318 al 1405.
Dell'antico castello medievale è rimasta intatta solo la caratteristica torre merlata, mentre la parte abitativa è stata riadattata a villa attorno al 1775 dai conti Zaborra, che ancora oggi ne sono i proprietari. Conosciuto anche con la denominazione di Villa Zaborra, il castello è stato adibito nel 1980 a sede museale e offre anche spazi e servizi per eventi, grazie alla presenza di un rinomato ristorante e ben 6 sale congressi.

Museo dell'ariaMuseo dell'aria

Il castello, inoltre, è circondato da un bellissimo parco che si suddivide in giardino principale, giardino segreto, brolo, carpini centenari, peschiera e ghiacciaia. Le splendide rose inglesi rappresentano il punto di forza dei giardini, oltre all'affascinante vasca termale risalente al periodo romano, ritrovata in occasione di un lavoro di restauro.

Museo dell'ariaMuseo dell'aria

All'interno del castello è stato allestito il Museo dell'aria che conserva numerosissimi cimeli della storia del volo umano, dai progetti di Leonardo da Vinci alla conquista dello spazio negli ultimi decenni.
Per la qualità dei documenti storici e la presenza di veivoli autentici questo museo è un'autentica rarità; presenta, inoltre, la più importante collezione aeronautica d'Europa composta da circa 300 modelli di aerei, mongolfiere e dirigibili suddivisi in base al periodo storico di riferimento.

Museo dell'ariaMuseo dell'aria

Lo spazio è rappresentato dal prototipo della fantastica astronave chiamata Vela Solare, costruita dagli ingegneri dell'Università di Padova e dalle immagini della sonda spaziale Giotto.
La sezione più importante del museo è dedicata a Gabriele D'Annunzio, poichè il castello fu sede della Squadriglia Serenissima comandata dal poeta abruzzese, che proprio da qui partì il 9 agosto 1918 per la sua famosa impresa aerea su Vienna, dove lanciò i volantini per manifestare il suo pensiero politico.
Il percorso di visita include l'ingresso nelle stanze in cui D'Annunzio abitò per circa un anno, in cui sono esposte le divise militari e molti oggetti a lui appartenuti, una ricca documentazione fotografica e gli aerei della sua squadriglia.

Museo dell'ariaMuseo dell'aria

Quattrocento anni di storia della tecnica aviatoria sono offerti al visitatore, lungo un percorso che si snoda tra l'interno delle grandi sale del castello e il parco esterno. Le scuole possono accedere a diversi servizi didattici, mentre le famiglie hanno la possibilità di trascorrere una piacevole giornata tra cultura e relax.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.