#195 - 10 giugno 2017
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarr in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascer il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - Finch ti morde un lupo, pazienza; quel che secca quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Piccoli Grandi Musei Italiani

"una cosa bella è una gioia per sempre" John Keats

Centro storico di Napoli

Teatro di Neapolis

di Alessandro Gentili

Il teatro romano di Neapolis era scoperto, differentemente dal classico Odeion, e quel che ne rimane è la traccia di ristrutturazioni e rifacimenti avvenuti durante l'età flavia (I secolo) e nel II secolo.
Nessuna testimonianza della struttura originaria che avrebbe addirittura accolto delle performances retoriche di Nerone.

Teatro di NeapolisTeatro di Neapolis

Con la caduta dell'Impero romano gli spettacoli teatrali perdono d'interesse e il teatro viene abbandonato pare anche a causa di un'alluvione successiva.
Durante il medioevo la situazione non cambia, anzi il teatro cambia destinazione d'uso e viene riutilizzato come piccola necropoli prima (700 d.C. circa) e come discarica poi.
Tra il 1400 e il 1600 il vecchio teatro viene letteralmente inglobato da edifici costruiti proprio intorno e definitivamente ostacolato dall'apertura proprio di vico Cinque Santi, da cui oggi vi si può accedere.
Il vascio (abitazione, solitamente di una sola stanza, costruita a livello della strada) del signor Vittorio è solo una delle centinaia di particolarità che si possono trovare nel Centro Storico di Napoli.

Teatro di NeapolisTeatro di Neapolis

Patrimonio archeologico, il vascio del signor Vittorio si presenta come una normale abitazione antica: macchina per cucire, cucina, quadri alle pareti, qualche mobiletto e un letto.
Quest'ultimo ha reso la stanza interessante dal punto di vista culturale. O meglio, ciò che il letto cela. Al letto è legata una corda. E la corda, una volta tirata, sposta il letto che rivela una botola. La griglia metallica separa il vascio da una scalinata sotterranea: discendendo è possibile giungere ai resti di un antico teatro romano.
Per il signor Vittorio, vecchio proprietario del vascio, non era possibile accedervi direttamente, data la presenza di un blocco di terreno a sbarrargli il passo. Ma egli si accontentava di discendere le scale per tenere al fresco del tufo le sue scorte di vino.

Teatro di NeapolisTeatro di Neapolis

Prima del signor Vittorio questa zona sotterranea veniva usata dai civili per scappare dai bombardamenti della Grande Guerra, poiché già agli inizi del '900 c'erano queste costruzioni insolite.
Per precisione, già dal 1600, Il teatro è rimasto visibile sino alla fine del 1500 dopodiché, durante la dominazione spagnola del 1600, fu istituita una legge che permetteva l'edificazione in qualsiasi punto della città. Il motivo fu semplice: troppi abitanti. Napoli contava all'epoca 250.000 cittadini, e troneggiava tra le città più popolose d'Europa (era seconda soltanto a Parigi).

Durante il 1800 molte di queste abitazioni furono abbandonate, e i loro cunicoli furono dimenticati per lunghi anni. Solo nell'ultimo periodo si è deciso di monitorare questi luoghi. E la casa del signor Vittorio è solo una delle innumerevoli abitazioni a celare segreti di tale portata.

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.