#182 - 4 febbraio 2017
AAAATTENZIONE - CARA AMICI LETTORI, DA QUESTO NUMERO IL GIORNALE DIVENTA MENSILE. LE NUOVE USCITE SARAN- NO AL PRIMO GIORNO DI OGNI MESE. iL NUOVO NUMERO 353 SARA' IN RETE IL GIORNO 1 lUGLIO. BUONA LETTURA A TUTTI. Ora per voi : AMICI DEGLI ANIMALI - Vivisezione: Nessuno scopo cos alto da giustificare metodi cos indegni (A. Einstein) - Grandezza morale e progresso di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali (Gandhi) - La compassione e l'empatia per il pi piccolo degli animali una delle pi nobili virt che un uomo possa avere (C. Darwin) - Fintanto che l'uomo continuer a massacrare gli animali non conoscer ne salute, ne pace (Pitagora) - Tra tutti gli animali l'uomo il pi crudele. E' l'unico ad infliggere dolore per il piacere di farlo (M Twain) - A forza di sterminare animali si capito che anche sopprimere uomini non richiedeva grande sforzo ( E.da Rotterdam) . -
Fumetto

Alfonso

di Giada Gentili

Ideato da Romano Garofalo e disegnato da Marzio Lucchesi nel 1979. È un cucciolo yeti alla prese con i problemi del mondo civile (bleahhh....).
Piccolo yeti, sì, anche se il suo aspetto si discosta molto dalle classiche rappresentazioni dell'abominevole uomo delle nevi. È fatto più o meno a forma di pera: non ha collo, la testa è praticamente attaccata al corpo; ha lunghi piedi e un nasone "a trombetta" (così lo definisce nelle strisce la sua compagna di classe Elisabetta).

AlfonsoAlfonso

Non è noto come sia arrivato nella civiltà: la prima vignetta del libro "Il grande Alfonso" lo rappresenta mentre viene buttato giù a calci da un bus in quanto sprovvisto di biglietto.
Inizialmente il suo modo di fare è piuttosto rozzo, anche se non aggressivo; in seguito, grazie all'aiuto di un'anziana donna che lo "adotta", impara a comportarsi bene e a "sopravvivere" nel mondo degli uomini. Nelle strisce successive, Alfonso è generalmente buono e gentile verso tutti: è molto ingenuo, e a volte gli altri personaggi lo giudicano stupido (impressione dovuta anche al suo modo di parlare, visto che sembra non saper pronunciare certe parole: ad esempio parla in terza persona singolare, riferendosi a se stesso come Fonso (per citare alcuni esempi del suo modo di parlare ricordiamo "martello ha fatto male a Fonso" e se sua nonna adottiva gli dice che è colpa sua e non del martello allora lui risponde: "Nonna dice che Fonso ha fatto male a Fonso? Ma no nonna, ti sbagli Fonso vuole bene a Fonso, è stato martello". Chiama "lecca" il lecca lecca; tuttavia, in molte occasioni, la sua disarmante semplicità lo rende più saggio dei molti umani che lo circondano, sia compagni di scuola che adulti. Il tratto più importante del suo carattere è proprio l'innocenza: e proprio per questo ne scrivo.

Alfonso

Ormai a trovare questa parola e questa peculiarità si farebbe fatica perfino a cercarla nei dizionari o vocabolari (chi li apre più?). Ingenuità, innocenza, bontà, gentilezza dentro uno...yeti?
Beh, ragazzi, questa sì che è bella, vero? Volgarità a non finire la trovi dappertutto: dove e come scampare? In queste nicchie passate di moda, in nascosti cenacoli (come carbonari) dove si può contrastare le orride cavallette apocalittiche di oggi che azzerano tutto e tutti (compresa la tradizionale famiglia, ormai desueta). Provate a parlare "contro" certi argomenti sopra cui oggi cavalcano tutti.
Viva allora Alfonso, i vecchi cartoni della Disney, la vecchia tivvù in b/n, i romanzi d'appendice, le comiche di Laurel & Hardy.
Quello che oggi il mondo ci propina è, per citare San Paolo, spazzatura. Coraggio....

AlfonsoAlfonso

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessit di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidariet tra singoli e le comunit, a tutte le attualit... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicit e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libert di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.