#144 - 11 gennaio 2016
AAA ATTENZIONE - Questo numero rimarrÓ in rete fino alla mezzanotte del 19 aprile, quando lascerÓ il posto al numero 350. Ora MOTTI per TUTTI : - FinchŔ ti morde un lupo, pazienza; quel che secca Ŕ quando ti morde una pecora ( J.Joyce) - Lo sport Ŕ l'unica cosa intelligente che possano fare gli imbecilli (M.Maccari) - L'amore ti fa fare cose pazze, io per esempio mi sono sposato (B.Sorrel) - Anche i giorni peggiori hanno il loro lato positivo: finiscono! (J.Mc Henry) - Un uomo intelligente a volte Ŕ costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti (E.Hemingway) - Il giornalista Ŕ colui che sa distinguere il vero dal falso e pubblica il falso (M. Twain) -
Piccoli Grandi Musei Italiani

Rossiglione - (Genova)

Museo del Passatempo

di Alessandro Gentili

Il Museo PassaTempo e' un sorprendente viaggio nella memoria e nel costume.
Un'ampia raccolta di moto, cicli e oggetti d'epoca funzionanti, ricostruisce la storia italiana del novecento, in particolare del secondo dopoguerra.

Museo del PassatempoMuseo del Passatempo

L'esposizione e' articolata in due parti distinte, la preesistente Casa-Museo, che ospitando oggetti di varia natura ricostruisce gli ambienti appartenenti al secolo passato, e la nuova Sede Civica, allestita nella vecchia scuola elementare comunale.

Museo del PassatempoMuseo del Passatempo

Nella Sede Civica sono presenti postazioni multimediali, allestimenti innovativi su misura, scenografie d'impatto e ambienti immersivi che suggeriscono la storia di un secolo attraverso l'evocazione e la suggestione: un secolo talmente denso di eventi che non si riesce a raccontare in una sola volta.

Museo del PassatempoMuseo del Passatempo

Il racconto della guerra, della ricostruzione, del boom economico viene affidato ai pezzi esposti e organizzati in un originale percorso espositivo: nel grande salone centrale e' collocata una selezione di oggetti significativi, disposti in ordine cronologico, la seconda parte racconta i cambiamenti sociali attraverso la crescita e il passaggio dalla scuola ai giochi, dalla bicicletta alla moto e infine all'automobile, evocata con un modello da autoscuola. Sale specifiche sono dedicate ad una eccellenza italiana come la Olivetti e al cinema del dopoguerra.

Museo del PassatempoMuseo del Passatempo

Ogni oggetto esposto rivendica un suo piccolo ruolo nella storia italiana del secolo scorso: ci racconta i mutamenti della societa', dei sistemi produttivi e del costume, il passaggio da una societa' di produttori ad una di consumatori.
E quindi che cosa hanno in comune una Vespa 50, un voluminoso registratore magnetico in plastica, una lavatrice con manovella e sprovvista di presa elettrica, un motore ausiliario per biciclette, una radio grande come un frigorifero e un banco di scuola in legno? Ci raccontano quello che siamo stati, ci accompagnano nel passato attraverso i ricordi e ci fanno osservare, con il loro silenzioso "non servo piu'" come siamo riusciti ad arrivare a una societa' che, nell'entusiasmo della ricostruzione e nell'ebbrezza del benestare economico, si e' dimenticata che anche gli oggetti inanimati hanno un valore e una durata.

Museo del PassatempoMuseo del Passatempo

Chi non si ricorda della mitica Graziella?
Tutti la conoscono, anche i pi├╣ giovani, che non hanno avuto la fortuna di usarla direttamente, sanno di cosa stiamo parlando. E allora, muniti di chiave a brugola per regolazioni varie, eccoci pronti a partire per un doveroso omaggio! Un incontro divertente che prevede anche una pedalata scampanellante, una mostra di modelli e tanto altro, in una piacevole giornata da trascorrere nell'entroterra ligure. Al raduno sono ammessi tutti i tipi di bici pieghevoli di qualunque anno e marca: cercatela in cantina, in soffitta, tiratela fuori da dietro gli scatoloni in garage... una gonfiata alle gomme e si parte!

AAAA ATTENZIONE - Cari lettori, questo giornale no-profit Ŕ realizzato da un gruppo di amici che volontariamente sentono la necessitÓ di rendere noti i fatti, gli avvenimenti, le circostanze, i luoghi... riferiti alla natura e all'ambiente, alle arti, agli animali, alla solidarietÓ tra singoli e le comunitÓ, a tutte le attualitÓ... in specie quelle trascurate, sottovalutate o ignorate dalla grande stampa. Il giornale non contiene pubblicitÓ e non riceve finanziamenti; nessuno dei collaboratori percepisce compensi per le prestazioni frutto di volontariato. Le opinioni espressi negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertÓ di giudizio (e di pensiero) lasciandoli responsabili dei loro scritti. Le foto utilizzate sono in parte tratte da FB o Internet ritenute libere; se portatrici di diritti saranno rimosse immediatamente su richiesta dell'autore.